martedì 24 gennaio 2012

Stabilimenti Lanerossi di Piovene Rochette VI

Il lanificio Rossi (poi abbreviato in Lanerossi) di Schio è stato uno dei maggiori lanifici italiani.

La Lanerossi è stata fondata nel 1873, trasformando in S.p.a. la Industrie Rossi sorta nel 1817 per opera di Francesco Rossi. Rossi era originario di Santa Caterina di Lusiana e cedette la gestione del lanifcio al figlio Alessandro Rossi nel 1849 che nel corso degli anni lo trasformò in una delle maggiori industrie nazionali, diventando il punto di rifermento attorno al quale ruotavano tutte le attività economiche di Schio.





All’inizio del Novecento il Lanificio Rossi era la maggiore impresa laniera italiana, con numerosi stabilimenti nel vicentino, di particolare importanza oltre a quelli di Schio erano quelli di Piovene Rocchette a cui si aggiunsero col tempo anche quelli di Torrebelvicino, Pieve (una frazione di Torrebelvicino), Dueville, Marano Vicentino, Vicenza, Montorio Veronese. Sulla spinta dell’impresa sorsero molte iniziative collaterali: i quartieri operai, i dopolavoro e molte opere sociali.La Lanerossi produceva tipo di tessuto di lana destinati ai più svariati scopi: dagli abiti, ai panni, coperte, filati per aguglieria e utilizzi industriali, che era in grado di commerciare in tutto il mondo attraverso una capillare rete vendita in USA, URSS, Germania, Polonia, Sud Africa, Canada, ecc.
Nonostante questo, in pieno boom economico, a causa di scelte di gestione sbagliate la Lanerossi visse un periodo di crisi nel triennio 19551957. Per risollevare il lanificio e ristrutturarlo venne chiamato nel 1956 a svolgere l’incarico di presidente e consigliere delegato Giuseppe Eugenio Luraghi. Luraghi riuscì in brevissimo tempo a ottenere risultati eccellenti al punto che nel 1959 il fatturato fu di 23 miliardi di lire con circa 10.000 dipendenti. I vistosi guadagni del titolo azionario nella Borsa, portarono su di esso una forte speculazione che causò dapprima la fuoriuscita dei principali azionisti guidati da Franco Marinotti, e in seguito il successo di una acrobatica e spregiudicata “scalata” borsistica condotta dal finanziere siciliano Michelangelo Virgillito. Ma nel decennio successivo la Lanerossi conobbe di nuovo un periodo di forte crisi.




Da oltre 160 anni il Gruppo Marzotto è sinonimo di competitività e capacità di innovazione.
Protagonista di rilevanza mondiale nell’industria del tessile grazie ad una visibilità totale che spazia dai filati ai tessuti.



Il Gruppo è strutturato come una "impresa rete", un network di aziende unico nel panorama tessile mondiale che, attraverso marchi di grande prestigio, detiene una posizione di assoluto rilievo per ricerca, innovazione, qualità e volumi sia nel mercato mondiale dei filati che in quello dei tessuti.





Il Gruppo Marzotto opera direttamente nel settore nei tessuti di lana e di cotone per abbigliamento e nell’arredo casa e, attraverso partecipazioni, nel settore della seta e dei filati di lana per maglieria e dei filati di lino.










Marzotto, Guabello, Marlane, Tessuti di Sondrio, Estethia – G.B. Conte e Fratelli Tallia di Delfino definiscono la leadership del Gruppo nei tessuti, Ratti S.p.A. nel comparto della seta, Lanerossi nei filati lanieri per maglieria, Linificio e Canapificio Nazionale nei filati di lino.
Ogni collezione sviluppa i contenuti moda più aggiornati, ottiene performance tecniche all’avanguardia che garantiscono un valore aggiunto facilmente riconoscibile anche dal consumatore finale.

Il Gruppo Marzotto dà risposte veloci ed affidabili ai propri clienti in qualsiasi parte del mondo con la forza di un gruppo strutturato e flessibile, con un marketing innovativo specialmente nell’area del servizio e con la capacità di importanti investimenti
 




 Nel 1987 il gruppo venne acquisito dal concorrente Marzotto della vicina Valdagno, che tuttavia non investì più nel marchio Lanerossi. Vennero via via smantellati i vari stabilimenti fino alla storica chiusura di quello di Schio nell’agosto 2005.
















Nessun commento:

Posta un commento